Cliccare sulla mappa per accedere ai dettagli dei relativi stati.

THAILANDIA

Requisiti coniugi: rispetto l’età dei coniugi valgono i limiti di legge stabiliti dall’art. 6 della L. 184/83 (per la fascia 0-5 anni si consiglia di indirizzare preferibilmente coniugi entrambi con un età inferiore ai 40 anni). I coniugi non devono avere malattie invalidanti. Non sono richiesti particolari requisiti ulteriori.

Autorità Centrale:Il Dipartimento Sviluppo Sociale e Welfare – Child Adoption Center (Centro Adozioni Internazionali).

Informazioni procedurali e dei minori: Traduzione dossier e legalizzazione presso il Cosolato Thailandese di Roma e conseguente invio del dossier. Il dossier viene quindi accettato e registrato. Il Centro Adozioni Internazionali invia presso l’ente una relazione dettagliata concernente gli aspetti sanitari del minore ed il suo stato sociale corredate da una fotografia e, qualora ve ne siano, anche informazioni riguardo la sua “storia”. Rischio giuridico e rischio sanitario basso in quanto le informazioni inviate da parte delle autorità competenti risultano dettagliate e veritiere. Le patologie più frequenti sono legate alla povertà (rachitismo e bassa nutrizione – malattie infettive)

Tempi di attesa: Tempi di attesa circa tre anni e mezzo. Sono accettati i depositi per un minore in fascia 0-3. Si sconsiglia deposito per domande di due minori.

Viaggi all’estero: Un unico viaggio di circa 3 settimane. La famiglia accompagnata dal referente incontra le autorità competenti, quindi prende con se il minore dall’istituto (la frequentazione non avviene in istituto, il minore rimane sempre insieme la famiglia). Dopo circa 15 giorni la famiglia con il minore si presenta per un colloquio dinanzi la Commissione Adozione che fornirà il proprio consenso alla prosecuzione dell’iter adottivo a mezzo di affidamento. La famiglia, quindi, con il minore a loro affidato comincia ad espletare le ultime pratiche procedurali prima del rientro in Italia. Si tratta di una decisione amministrativa. E’ un provvedimento di affidamento in vista dell’adozione che si perfezionerà una volta rientrati in Italia con il minore.