Cliccare sulla mappa per accedere ai dettagli dei relativi stati.

FEDERAZIONE RUSSA

Requisiti coniugi: rispetto l’età dei coniugi valgono i limiti di legge stabiliti dall’art. 6 della L. 184/83. I coniugi devono essere in possesso di una casa di proprietà (o in comodato d’uso gratuito) e non devono avere malattie invalidanti. Si sconsiglia il deposito ove uno dei due coniugi non sia cittadino italiano.

Autorità Centrale: Ministero dell’Istruzione e della Scienza della Federazione Russa Dipartimento dell’Educazione e della Protezione Sociale dei minori.

Informazioni procedurali e dei minori: Invio dossier in Federazione per traduzione e legalizzazione. Presentazione del dossier presso un Dipartimento dell’Istruzione Regionale (Centro di Adozione Regionale). La scelta della Regione non è a discrezione dei coniugi. Le informazioni concernenti l’abbinamento vengono rilasciate dal Dipartimento Regionale (talvolta molto scarne e poco aderenti alla realtà). Rischio giuridico presente sino al passaggio in giudicato della sentenza. Rischio sanitario elevato nelle fascia d’età prescolari (patologie alcol correlate, patologie veneree, rachitismo, bassa nutrizione, ritardo nello sviluppo psico-motorio, nell’apprendimento e nel linguaggio).

Tempi di attesa: I tempi di attesa si intendono da invio del dossier all’estero a ricezione della proposta di abbinamento: per un minore 0-5 (compiuti) i tempi di attesa sono indicativamente di 10/14 mesi, per due minori 0-7 (compiuti i tempi di attesa sono indicativamente di 12/18 mesi, per un minore in età scolare compiuti i tempi sono di circa 3/6 mesi. Si segnala una maggior difficoltà nell’individuazione di fratrie.

Viaggi all’estero: Primo viaggio di 5/7 giorni nel corso del quale la famiglia incontrerà le autorità dipartimentali competenti e riceverà ufficialmente il permesso di iniziare il periodo di frequentazione con il minore presso l’istituto. Alla famiglia, sempre accompagnata dal referente verranno lette le conclusioni mediche relative l’abbinamento. Secondo viaggio di 4/8 giorni (dopo circa 3-6 mesi dal primo) la famiglia ove possibile (distanza istituto – tribunale) incontra nuovamente il minore e quindi viene preparata per la sentenza. L’udienza si tiene sempre presso il Tribunale competente dipartimentale e per passare in giudicato necessita sempre di un tempo tecnico di circa 10-12 giorni. Terzo viaggio di 7/16 giorni è contestuale al secondo viaggio (subito dopo il passaggio in giudicato della sentenza) la famiglia prende con se il minore dall’istituto e comincia a preparare la documentazione propedeutica al rilascio del passaporto del minore prima di giungere a Mosca o San Pietroburgo (dove sono situate le due ambasciate italiane) per espletare le ultime pratiche procedurali prima del rientro in Italia.